Artigianato locale in una cornice di tradizioni storiche, luci natalizie e profumo di vin brulé, da sorseggiare per scaldarsi nelle pungenti giornate invernali: è questa l’atmosfera dei mercatini di Natale, appuntamento imperdibile che si svolge tra novembre e dicembre, a ridosso appunto del periodo più magico dell’anno.

Numerosi sono i mercatini che si possono visitare sul territorio italiano, dal Trentino – Alto Adige, a Bologna, fino a Napoli con i suoi presepi. Tuttavia la patria indiscussa rimane l’Austria, in particolare la città di Salisburgo, dove il mercatino natalizio rappresenta un’usanza radicata a livello storico e culturale. Inizialmente i mercatini prendevano il nome da San Nicola e venivano organizzati nel periodo coincidente con la festività del Santo (6 dicembre). Con l’abbandono del culto dei Santi, introdotto dalla Riforma Protestante, i mercatini presero il nome di Christkindlmarkt, il Mercatino del Bambino Gesù.

Ma quali sono i mercatini più caratteristici di Salisburgo? Vediamoli in questo articolo dedicato, regalandovi una speciale anteprima con cui potrete organizzare il vostro viaggio.

Salisburgo: la città dei mercatini natalizi

Città dall’architettura barocca, patria natia di Mozart, Salisburgo ospita numerosi Mercatini di Natale, conosciuti da appassionati e non, in tutta Europa. Tra novembre e inizio gennaio, nelle strade della piccola cittadina risuonano musiche natalizie, illuminate dai colori degli addobbi. Il Mercatino più famoso è il Salzburger Christkindlmarkt, il Mercatino di Gesù Bambino, il quale si svolge prevalentemente nei pressi del Duomo di Salisburgo.

Secondo fonti storiche le sue origini risalgono al XV Secolo, quando nel 1491 aveva ancora le sembianze di un mercatino delle pulci.

Salzburger Christkindlmarkt: l’artigianato di qualità

Tra le bancarelle di questo mercatino troverete solo artigianato locale, libero da contaminazioni commerciali, nel pieno rispetto dell’eredità culturale austriaca. Il mercatino infatti rimane un mercato locale salisburghese, poiché metà degli espositori e dei visitatori è del posto. Novantacinque casette realizzate in legno, con colori diversi a seconda dei prodotti esposti come composizioni floreali, decorazioni natalizie, candele, incensi e tutta quella oggettistica che rende magica la casa sotto le feste.

Tra gli oggetti più caratteristici troverete le AdventsKranz, tipiche ghirlande da porta o centrotavola con le candele dell’Avvento. Non mancano stelline, angeli e renne realizzate in paglia. Piccoli bouquet di cannella, chiodi di garofano, arancia e vaniglia sono l’ideale per profumare la casa. Potrete sbizzarrirvi inoltre con tovaglie, pantofole, sciarpe, cappelli e guanti fatti a mano.

Camminando per le bancarelle del centro di Salisburgo è consigliatissimo degustare i prodotti enogastronomici. Dolcetti di marzapane e di panpepato, biscotti di glassa colorata con frasi di auguri sono ottimi da accompagnare con il Gluhwein, vino caldo speziato, per riscaldarsi dalle temperature rigide.

I mercatini di Natale di Salisburgo non si esauriscono solo tra le bancarelle: attorno prendono luogo manifestazioni come gruppi musicali tradizionali, cori e danze di gruppi locali.

Il mercatino di Mirabell Platz

Più raccolto e contenuto, il mercatino di Mirabell Platz si sviluppa oltre il fiume Salzach, attraversando il ponte dell’Amore, Makartsteg, davanti al Palazzo Mirabell. Tra i suoi stands troverete soprattutto oggettistica di produzione locale come orsacchiotti, bambole ma anche leccornie come frutta caramellata e i famosi bratwurst da degustare con una birra del posto. Molto facile da raggiungere per la sua vicinanza alle fermate degli mezzi pubblici.

Per gli amanti dell’antiquariato: Mercatino di Natale a St. Leonhard

Dal 1973 nelle adiacenze dell’Untersberg, si svolge il Mercatino di Natale di St. Leonhard.

Vi potrete sbizzarrire non solo con addobbi natalizi ma anche con oggetti d’antiquariato di quasi tutte le Regioni austriache: da oggetti in vetro o ceramica, a giocattoli fatti a mano. Inoltre i proventi del mercatino ogni anno vengono devoluti ad associazioni di beneficienza: un regalo acquistato al Mercatino di St. Leonhard, è anche un’opera di bene.