Sicilia tra cibo, spiagge, borghi e città: tutti gli itinerari da non perdere

State pensando di prenotare un pacchetto vacanze in Sicilia e non sapete ancora cosa visitare? È normale! Le mete da non perdere, nella ricchissima e suggestiva isola, sono davvero tante e tutte caratteristiche ed intrise di storia, arte e cultura, ma anche circondate da spettacolari paesaggi naturalistici che la rendono un logo unico, perfetto per trascorrere un’estate da sogno.

Si sposa perfettamente sia con chi ricerca una vacanza all’insegna del relax e della vita mondana, che con chi è affascinato dall’archeologia e dalla storia artistica, architettonica e culturale: la Sicilia non si fa mancare niente! Spiagge paradisiache, ottimo cibo, borghi di pescatori, città ricche di storia: ecco i migliori itinerari da visitare.

Cosa vedere a Palermo

Palermo e Trapani: tra Cefalù, San Vito Lo Capo e Erice

Visitare Palermo è d’obbligo: sono infinite le sue strutture che risalgono alle più svariate dominazioni. Una gita nel capoluogo della Regione permette di assaporare e scoprire usi e costumi siciliani, e le tradizioni culturali e culinarie dell’isola. Da Palermo, non può mancare una gita a Cefalù dove potrete ammirare sia lo splendido Duomo, caratterizzato da mosaici in oro zecchino, e farvi un bagno nella magnifica spiaggia.
La Riserva dello Zingaro, tra Palermo e Trapani, è una meta di mare unica e spettacolare, ricca di cale selvagge ed incontaminate, faraglioni e grotte. In questa zona potrete visitare San Vito lo Capo, una delle spiagge più grandi e belle della Sicilia, caratterizzata da un fondale basso che si sviluppa per parecchi chilometri: non può mancare un assaggio al tipico cous cous della zona.
Tra le mete da non perdere ci sono Castellammare del Golfo, l’Isola delle Femmine, la Tonnara di Scopello e, più a sud, Erice, tipico borgo medioevale, che svetta su un promontorio che offre una vista mozza fiat, su tutta la provincia di Trapani.

Cosa vedere ad Agrigento

Agrigento, Ragusa e Siracusa: da Sciacca ad Ortigia, passando dalla Val di Noto

L’agrigentino offre bellezze uniche, come Sciacca, cittadina ideale per una passeggiata in riva al mare; consigliatissima anche una visita alla Scala dei Turchi, eccezionale per la sua scogliera bianca. Proseguendo lungo la costa, da non perdere Modica, conosciuta anche per il suo cioccolato, ma anche Scicli, Ragusa e Marina di Ragusa. In questa zona tra le località di mare più suggestive troviamo Portopalo di Capo Passero e Marzamemi. Salendo verso Siracusa non si può perdere la Val di Noto, dove il barocco, tipico di questa zona, la fa da padrona. A Siracusa, meta ricca di antichi reperti risalenti alla Magna Grecia, ed un mare unico nel suo genere, non si può perdere una visita all’isola Ortigia.

Archeologia e storia: itinerario dei parchi archeologici

Per gli amanti della storia e della archeologia greca e romana, il viaggio si deve strutturare seguendo un itinerario bene preciso: partendo da Segesta, dalla provincia di Trapani, dove si possono ammirare le antiche rovine del teatro e del tempio risalenti al V e III secolo a.C., potrete continuare raggiungendo Selinunte, ricchissima di antichi templi greci, molti dei quali edificati nell’Acropoli. Altra meta d’obbligo è la famosissima Valle dei Templi di Agrigento, unica per lo stato di conservazione dei templi e dei monumenti greci.

Cosa vedere a Catania

Catania, Messina, la zona dell’entroterra e le Isole

Nel ratto di costa tra Catania e Messina, una delle bellezze più rare, ammirata da tutto il mondo è Taormina, con il borgo di Castel Mola, ma non solo, anche il vulcano Etna, che svetta dominando la costa e caratterizzandone il paesaggio. Fino a Messina, città ricca di storia e cultura, si possono visitare zone di mare come Mazzarò e Capo d’Orlando.
La Sicilia non è fatta solo di coste però, molte anche le mete da visitare nell’entroterra, come Caltanissetta e Enna: in questa zona, sono sette le riserve naturali che si possono ammirare.
Da non perdere anche le tantissime isole della Regione: le Eolie, le Egadi e le Pelagie, ma anche Ustica e Pantelleria. Ogni arcipelago ed isola presenta caratteristiche, tradizioni, cultura e paesaggi unici nel loro genere.